Piano di Marketing Digitale passo dopo passo
Hai appena iniziato la tua attività online ma non sai cosa fare? Stai spendendo tempo curando il tuo sito internet ma senza ancora ottenere i risultati sperati? Ciò che devi fare è mettere in moto un Piano di Marketing Digitale o adattare il tuo Piano di Marketing Digitale al 2018.
Quando si parla di Marketing Digitale non si tratta semplicemente di inviare Tweets o di essere presente in tutte le reti sociali esistenti, bisogna invece avere un obiettivo da raggiungere e misurare le nostre azioni online in modo da migliorare e apprendere.
Non tutto si basa sulle reti sociali, ed infatti il Marketing Digitale copre molti ambiti diversi. Per questo diventa necessario mettere in moto un Piano di Marketing Digitale su misura delle necessità e del budget del proprio negozio online.

È anche necessario avere il supporto di una squadra qualificata, che abbia le competenze necessarie per rendere redditizi gli investimenti che si vanno ad operare per raggiungere i potenziali clienti.

Cos’è un Piano di Marketing?

Un Piano di Marketing è un documento contenente le informazioni e i passi da seguire per raggiungere gli obiettivi di Marketing nel settore digitale che ci siamo prefissati per un certo periodo di tempo.

Il Piano di Marketing Digitale è una parte importante del Piano di Marketing, ma non l’unica, in quanto gli obiettivi che ci prefissiamo sono direttamente collegati con gli obiettivi del Piano di Marketing.

È per questo che il Piano di Marketing Digitale non è un documento di centinaia di pagine, è anzi semplice ed essenziale, si può scrivere in pochi fogli. Il Piano di Marketing digitale consta di 5 passaggi:

  1. Analisi della situazione di impresa in ambito digitale
  2. Delineazione degli Obiettivi da raggiungere nel Piano di Marketing Digitale
  3. Definizione delle Strategie e Tattiche per il Piano di Marketing Digitale
  4. Decisione delle Azioni da intraprendere per il Piano di Marketing Digitale
  5. Misuratori per le Azioni del Piano di Marketing Digitale

 

5 Passi per mettere insieme un Piano di Marketing Digital

Passo 1: Analisi della situazione di impresa in ambito digitale

Analisi della situazione di impresa in ambito digitale

La prima cosa da fare per un Piano di Marketing Digitale è la realizzazione di una analisi della situazione digitale dell’impresa e per questo si realizzeranno tre tipi di analisi:

1. Analisi Interna

Con l’Analisi Interna dell’Impresa si cerca di verificare e comprendere la situazione attuale della nostra attività. L’obiettivo è trovare i punti da migliorare, in modo da aiutarci a migliorare la nostra presenza digitale.

Dobbiamo analizzare i 7 indicatori della situazione digitale interna:

  1. Sito Web: il gradimento del nostro sito WordPress, Wix, AWS…
  2. Blog: la frequenza delle pubblicazioni, il gradimento della linea editoriale e la sua attualità
  3. SEO: Analizzare se si è tra i primi risultati nei motori di ricerca come Google, Bing o Ecosia. Fare una lista delle nostre parole chiave e della posizione organica del sito
  4. Reti Sociali: stabilire i curatori, la partecipazione, l’attualità, il tipo di contenuto, l’influenza…
  5. Marketing via Email:  Il numero di iscritti alla nostra newsletter, il tasso di apertura e di click delle nostre campagne di marketing via email
  6. Pubblicità Digitale: analizzare i dati su Google Adwords, Facebook Ads, Twitter Ads, LinkedIn Ads
  7. Analisi del sito Web:  numero de visitatori, numero di pagine per visita, numero di conversioni, tempo sul sito…

2. Analisi Esterna

È ora di guardare al mercato, settore e nicchia di mercato nel quale competiamo, e quali nuove tendenze siano all’orizzonte. Bisogna tenere conto del tipo di mercato nel quale si operi, e se sia un mercato emergente o maturo.

Cominceremo identificando il nostro pubblico o il pubblico obiettivo. Creeremo il profilo del nostro cliente obiettivo o ideale in funzione delle sue caratteristiche, comportamento, interessi… inoltre investigheremo i competitori diretti e indiretti, in modo da valutare quale sia la loro presenza digitale, i loro traguardi ed errori.

 3. Analisi FODA

La Analisi FODA, è dal nostro punto di vista uno degli strumenti migliori per valutare le reali condizioni nelle quali versa l’impresa.

Con questa analisi saremo in grado di delineare strategie del Piano di Marketing Digitale. A livello interno, si analizzano i punti di forza e i punti deboli e a livello esterno le minacce e le opportunità. Questo ci aiuta ad avere chiara un’idea di cosa sta funzionando bene sul mercato, allo stesso modo di cosa sta funzionando meno. Inoltre si chiarisce cosa nel mercato rappresenti una minaccia e su quali opportunità ci si possa focalizzare. Per ogni categoria si definiscono dalle 3 alle 5 variabili.

Analisi FODA

  • Punti Deboli. Nuovi nel settore, bassa notorietà del marchio…
  • MinAcce. Risorse umane, competenza, situazione finanziaria…
  • Forza. Prezzo competitivo, costi minori, esperienza nel settore…
  • Opportunità. Nuovo prodotto di consumo, incremento de la domanda (es. di cibo vegano)…

 

Paso 2: Delineazione degli Obiettivi da raggiungere nel Piano di Marketing Digitale.

Obiettivi da raggiungere nel Piano di Marketing Digitale

Ora è il turno di definire gli obiettivi da raggiungere nel Piano di Marketing Digitale. Bisogna fissare obiettivi per 3, 6 o 12 mesi e rivederli ogni 3 mesi, dal momento che il mercato cambia molto rapidamente e le proprie necessità e situazioni possono essere molto diverse in un periodo di tempo lungo.

Gli obiettivi saranno diversi, a seconda se l’azienda ha esperienza pregressa o è una azienda appena costituita. Certo, bisogna anche tenere in considerazione le risorse umane e finanziarie a disposizione dell’azienda.

Un primo passo è la definizione degli obiettivi SMART che saranno: specifici, misurabili, raggiungibili, rilevanti e temporali.

Gli obiettivi SMART sono di solito al massimo quattro. Alcuni di essi potrebbero essere:

  • Raggiungere un tasso del 45% di apertura nel marketing per email in 3 mesi
  • Aumentare del 20% le conversioni di lead qualificati in 6 mesi
  • Aumentare del 25% il traffico di visitatori in 4 mesi
  • Ridurre del 15% la percentuale di bounce entro 6 mesi
  • Aumentare del 55% le vendite del nostro negozio online in 9 mesi

 

Passo 3: Definizione delle Strategie e Tattiche per il Piano di Marketing Digitale.

 Definizione delle Strategie e Tattiche per il Piano di Marketing Digitale

Ora bisogna definire cosa fare e come comportarsi per raggiungere i nostri obiettivi. Per ognuno degli obiettivi proposti si deve determinare una strategia per raggiungerli e le tattiche per ciascuna strategia.

Ad esempio, per l’obiettivo aumentare del 25% il traffico di visitatori in 4 mesi,  dobbiamo stabilire la strategia di posizionamento organico naturale SEO. Per esso, bisogna mettere in pratica la tattica di cercare e analizzare le parole chiave da utilizzare in relazione col contenuto del nostro sito web; e come i nostri competitori stiano utilizzando le stesse parole chiave.

Per il Piano di Marketing dobbiamo definire una sfida chiara e un territorio sul quale operare.

La sfida sarà relazionata con gli obiettivi da raggiungere e potrà essere, ad esempio, posizionare il nostro marchio nel mercato degli alimenti vegani.

Per quanto riguarda il territorio, dobbiamo stabilire quale mercato raggiungere, non solo in termini geografici. Per esempio, se si vende cibo vegano, bisogna tenere conto delle differenze tra persone vegane e vegetariane.

Passo 4: Decisione delle Azioni da intraprendere per il Piano di Marketing Digitale.

Decisione delle Azioni da intraprendere per il Piano di Marketing Digitale.

Ora è il momento di decidere le azioni da perseguire per raggiungere gli obiettivi prefissati. Il piano di azione del Piano di Marketing Digitale deve concentrarsi sul rispondere alle domande:

  • Perché invio un messaggio?
  • Cosa voglio dire?
  • A chi voglio dirlo?
  • Come invio il mio messaggio?
  • Dove lo comunico?
  • Quando lo comunico?
  • Quante volte devo ripeterlo?

Quando queste domande trovano risposta, emergeranno le tattiche da usare per portare avanti le strategie. Giunge quindi il momento di pensare alle azioni, le quali devono tenere conto di 9 campi di informazione:

  • Obiettivi
  • Mezzi/Canali di trasmissione
  • Cosa
  • Chi
  • Dove
  • Quando
  • Come
  • KPI
  • Investimenti

 

Passo 5: Misuratori per le Azioni del Piano di Marketing Digitale.

Misuratori per le Azioni del Piano di Marketing Digitale

L’ultimo passo del Piano di Marketing Digitale è la misurazione delle azioni messe in moto e del ROI, ovvero il Ritorno di Investimento. Misurare è il miglior strumento per ottimizzare il proprio Piano di Marketing Digitale.

Bisogna stilare aggiornamenti settimanali, mensili, trimestrali, comparando e analizzando la progressione dei propri dati. Una delle prime cose da fare è definire i KPI, ovvero gli Indicatori Chiave di Rendimento. I KPI sono le metriche da usare come controprova del corretto funzionamento delle nostre azioni e strategie.

I KPI variano in funzione del tipo di mezzo preso in analisi. Per esempio:

KPI di un Sito Web/Blog:

  • Sessioni totali
  • Utenti
  • Numero di visite uniche a una pagina
  • Pagine per sessione
  • Numero di conversioni (leads)
  • Fonte delle conversioni (leads)
  • Sessioni per:
    • Fonte (Organico, Diretto, Social, Referenziale, Email, Altri)
    • Canale sociale (Facebook, Twitter, LinkedIn, ecc.)
    • Dispositivo (PC, smartphone, tablet)
    • Campagna

KPI per Marketing via Email:

  • Tasso di apertura
  • Tasso di click
  • Numero di aperture totali
  • Numero di click
  • Tasso di bounce
  • Cancellazioni
  • Tasso di ignoramento
  • Tasso di segnalazione delle nostre email come spam
  • Principali link cliccati
  • Principali locazioni geografiche

KPI SEO:

  • Traffico Organico
  • Sessioni e tempo di permanenza (medio) per tipo di utente (nuovo o ricorrente)
  • Sessioni per canale di traffico e tempo di permanenza
  • Percentuale di conversione per canale di traffico
  • Pagine più visitate e tempo di permanenza (medio)
  • Sessioni organiche per parola chiave
  • Conversioni per traffico organico e a pagamento (adwords)
  • Pagine con maggior numero di conversioni

KPI delle Reti Sociali:

KPI per Facebook
  • Numero di fan
  • Reach organico
  • Livello di interazione
  • Azioni sulla pagina
  • Click per le call-to-action sulla pagina
  • Click nel sito web
  • Indice e tempo di risposta su Facebook Messenger
KPI per Twitter
  • Numero di seguaci
  • Visite al profilo
  • Numero di Tweets
  • Numero di Menzioni
  • Impressioni
  • Tweets con link al profilo
KPI per Instagram 
  • Numero di Seguaci
  • Reach delle pubblicazioni
  • Numero di impressioni
  • Visite al profilo
  • Click sul sito web
  • Pubblicazioni con più successo
KPI per YouTube
  • Tiempo di visualizzazione
  • Durata media delle riproduzioni
  • Percentuale media riprodotta
  • Ritenzione del pubblico
  • Localizzazione del pubblico
  • Fonti di traffico
  • Interazione del pubblico
  • Numero di sottoscrizioni
  • “Mi piace” e “Non mi piace”
  • Commenti

Speriamo che con questa panoramica si sia fatta chiarezza su quali siano i passi da seguire per mettere in moto un Piano di Marketing Digitale. In caso abbiate qualsiasi dubbio o desideriate commentare qualcosa, vi invitiamo a lasciare un commento. Se desiderate sapere di più sui servizi offerti da MyMhub, non esitate a contattarci via email.

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *